Il “fuoriclasse” della viola Christophe Desjardins con la Nuova Scarlatti per il quarto concerto dell’Autunno Musicale

by Comunicato Stampa
0 comment
christophe-desjardins_1

Christophe Desjardins, francese, classe ’62, è tra i violisti più famosi e apprezzati d’Europa. Uno dei più accreditati interpreti di musica contemporanea a livello internazionale (protagonista di prime esecuzioni di brani di autori del calibro di Luciano Berio e Pierre Boulez), sarà viola solista nell’Elogio della Lentezza, brano del compositore irpino Gianvincenzo Cresta, classe ’68, una delle figure più originali della nuova musica classica. E sarà anche la prima esecuzione assoluta dell’Elogio da lui scritto: un brano per viola, orchestra d’archi, flauto, clarinetto e percussioni e che – a dispetto del suo titolo – è pieno di movimento e suggestioni sonore.

È solo il climax di un appuntamento che si propone di grande interesse per musicofili e semplici appassionati: il quarto concerto dell’Autunno Musicale 2018 della Nuova Orchestra Scarlatti.

Venerdì 23 novembre alle ore 20.30, nella Sala Scarlatti del Conservatorio San Pietro a Majella, la Nuova Scarlatti mette insieme qualità e piacere dell’ascolto: in programma pagine tra le più godibili e amate del ‘900 musicale, come la fascinosa III Suite di Antiche danze e arie di Ottorino Respighi e la vivace Simple Symphony di Benjamin Britten.

Sul podio dell’Orchestra. un talento emergente, il triestino Carlo Goldstein, che dopo la vittoria del primo premio all’International Conducting Competition di Graz nel 2009 ha intrapreso un’intensa attività direttoriale in Italia e all’estero.

INFORMAZIONI UTILI

 Costo biglietto: € 12,00 

INFO: 081.2535984 – [email protected]   www.nuovaorchestrascarlatti.it

Acquisto biglietti: presso i punti vendita ticketOnLine e su www.azzurroservice.net, e da un’ora prima del concerto al botteghino adiacente al Conservatorio.

Potrebbe interessarti

Leave a Comment

Livecode - Marketing Online Sito in wordpress con hosting! AudioLive FM - digital radio di musica e cultura