L’Arte che Cura a San Domenico Maggiore

by Comunicato Stampa
0 comment

Dal 17 al 25 giugno, con uno o più laboratori ogni giorni, l’Arte che Cura porta alla scoperta di un mondo in cui le discipline artistiche sono viatico terapeutico per il benessere psicofisico della persona. Musica, pittura, danza, burattini, teatro e scrittura per sentirsi meglio e vivere meglio. Il programma del progetto “I linguaggi della creatività tra scienza, arte e formazione” è stato reso noto in una conferenza stampa nelle sale del Comune di Napoli, il cui resoconto è riassunto nel video in alto diffuso dalla web-TV del Comune.

Ideatrice e curatrice dell’evento è l’associazione Imago, in collaborazione con l’assessorato competente dell’amministrazione partenopea e con l’Ordine degli Psicologi della Campania.

presentazione arte che cura imago

Un momento della presentazione in Sala Giunta a Palazzo San Giacomo.

L’evento

“I linguaggi della creatività tra scienza, arte e formazione” si inserisce nella cornice di un ambizioso progetto, denominato “L’Arte che Cura”, che si propone, innanzitutto, di promuovere nei tempi a venire un ampio dibattito sulle potenzialità trasformative e terapeutiche dell’arte tra tutti coloro che delle Terapie espressive si occupano, nella teoria e nella prassi; successivamente, di divulgare le idee e gli sviluppi derivanti da tale confronto affinché si sensibilizzino le istituzioni, il mondo accademico, i media e, in definitiva, tutti i potenziali beneficiari delle Terapie con l’Arte e si riesca a conseguire un importante scatto culturale. “L’Arte che Cura” intende pertanto porsi come punto di riferimento napoletano per un movimento scientifico e artistico su scala nazionale che si occupi a tempo pieno dello sviluppo di questo settore, e che coinvolga scienziati, umanisti, artisti, operatori del sociale e chiunque abbia fruito o intenda fruire dell’arte come di un’esperienza profondamente evolutiva.

“I linguaggi della creatività tra scienza, arte e formazione”, evento che di tale movimento segna dunque l’atto di nascita, si realizzerà attraverso dieci giorni dedicati alle varie “arti che curano”, come la Teatroterapia, lo Psicodramma, la Musicoterapia, le Arti Visive, la Scrittura Creativa, le arti “ludiche” per ragazzi e bambini, e altro ancora.

Una serie di suggestivi laboratori esperienziali, grazie ai quali i partecipanti potranno concretamente fare un’esperienza in prima persona delle tecniche proposte, sarà preceduta da un convegno, che intende portare l’attenzione sugli aspetti scientifici e formativi dell’arte che cura.

La manifestazione, infatti, ha l’intento di mostrare come i vari linguaggi creativi possano diventare non solo strumento di rappresentazioni, ma anche il mezzo tramite il quale, con un adeguato lavoro psicologico, si possono curare patologie, trasformare contesti difficili, e, più in generale, far crescere l’individuo. Ma vuole anche sottolineare come l’arte, affinché possa determinare realmente un processo di cura e di trasformazione, debba essere associata a un sapere scientifico affidabile e condiviso, frutto di studi e ricerche adeguate, con cui formare adeguatamente gli operatori del futuro.

Potrebbe interessarti

Leave a Comment

strategie di vendita, vendita, consulente per imprentori News Italia Festival della Musica e della Cultura a Napoli