Mediterranean Pride, Napoli si tinge d’arcobaleno

by Martina Caschera
0 comment

Sabato 24 giugno si è svolto il Napoli Pride (Mediterranean Pride of Naples), promosso dal Coordinamento Campania Rainbow in collaborazione con il Comune di Napoli.

Durante il raduno in Piazza Municipio, fissato per le 16, è dunque intervenuto anche Luigi De Magistris, ribadendo il ruolo e la posizione di Napoli (e della sua amministrazione): “La lotta per i diritti e la giustizia è l’elemento costitutivo di questa città”. Il sindaco ha riconosciuto i passi in avanti compiuti con la legge Cirinnà ma ha anche sottolineato l’importanza di insistere sul riconoscimento dei diritti civili al di là degli opportunismi politici.

de magistris gay pride mediterranean pride napoli intv

Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris intervistato durante il Mediterranean Pride 2017

Alle 17:15 è partita ufficialmente la parata che ha percorso alcune tra le più importanti arterie del centro storico partenopeo, per arrivare, infine, alla rotonda Diaz. Dopo un’iniziale impasse dovuta a difficoltà logistiche (i tre carri del corteo dovevano percorrere una Via San Giacomo gremita), la parata è gioiosamente approdata su Via Toledo.

Lì, i passanti e i turisti dediti alla consueta passeggiata del sabato pomeriggio hanno visto i loro piani sconvolti dai colori dell’arcobaleno. Tra chi si è unito e chi è rimasto a fotografare, ad osservare dai balconi (munito di tablet) e chi è uscito dai negozi a ballare ai lati della strada, nessuno è rimasto indifferente.

Tra le tappe del corteo molto suggestiva quella in Piazza del Plebiscito ove, al grido di “noi amiamo col cuore e non con gli occhi”, il corteo ha poi proseguito per Santa Lucia e per il Lungomare liberato.

Nessuna tensione durante il corteo: tutto è filato liscio.

Il Pride, da sempre mirato alla rivendicazione dei diritti civili della comunità LGBTQI (Lesbica, Gay, Bisex, Transgender, Queer, Intersessuale), quest’anno assume contorni “fisici” ben definiti. Il titolo-slogan di questa edizione, “Liberamente Corpo”, puntava infatti esplicitamente ad una riflessione sul corpo e sull’autodeterminazione. Un discorso che si “incarna” nel Dio Nilo, meglio conosciuto come il “Corpo di Napoli”, simbolo della manifestazione.

(foto di Enrico Parolisi)

Potrebbe interessarti

Leave a Comment

strategie di vendita, vendita, consulente per imprentori Palloncini Sale Slot