Due anni almeno Mostra fotografica di Margherita Rossi

by Comunicato Stampa
0 comment

“Due anni almeno”, nella nuova mostra fotografica di #apis+ la storia di una personale pandemia emotiva

Dal 12 novembre l’esposizione artistico-documentativa di Margherita Rossi, curata da Marco Victor Romano, che racconta il suo viaggio introspettivo dal 2020 al 2022
“Sei sensazioni cardine, quante le pareti della galleria, per raccontare le mie emozioni”

Viaggio immobile nel nulla apparente di case, cose e luoghi interni dell’animo, in uno stato di sospensione durante una pandemia mondiale o in nient’altro che in una pandeMia emotiva. A partire dal 12 novembre, e fino all’11 dicembre, la galleria di arte contemporanea #apis+ a Benevento ospiterà la mostra fotografica “Due anni almeno” di Margherita Rossi, allieva dell’artista beneventano Marco Victor Romano, fondatore dello spazio outsider sulle mura longobarde e curatore dell’esposizione, aperta al pubblico tutti i giorni, ad ingresso gratuito.

Le 63 foto esposte sono parte di una ricerca di carattere artistico-documentativo in case e memorie di due anni almeno, un’unità temporale variabile a seconda di quello che ciascuno ha sentito, per almeno due anni o anche soltanto per due minuti. La selezione tra gli oltre 3.000 scatti complessivi prodotti viene suddivisa in 6 sensazioni cardine, tante quante le pareti della galleria in via Torre della Catena 64: Chiaroscuri, Bianchi, Io-tutti, Orme, Circolare, Dono. Le immagini, di dimensioni diverse e volutamente prive di post produzione per mostrare lo sguardo nudo di chi è dietro l’obiettivo, sono state scelte seguendo un’assonanza di emozioni e associazioni cromatiche che confondono tempo e luogo, privilegiando il momento che tentano di ritrarre.

Luigi Ghirri, Francesca Woodman e Robert Mapplethorpe sono alcuni dei grandi fotografi che hanno accompagnato la ricerca di Margherita. Le foto sono scattate con fotocamera Reflex, tendenzialmente sottoesposte e con tempi lunghi per far emergere i tagli di luce, e lo stato d’animo. L’occhio di chi scatta ha posto, e continua a porre, grande attenzione alle gradazioni tonali, ispirate da riferimenti pittorici e cinematografici emersi durante le lezioni con Marco Romano, come gli illustri Michelangelo, Buonarroti e Antonioni.

“Un’ispirazione che nasce dalla vita vissuta e da quella che ci è stata per certi versi sottratta. Ho cominciato a studiare fotografia perché appassionata di Street Photography e in un primo momento in casa mi sentivo disorientata e limitata. Spinta da Marco, il mio maestro, che continuava a ripetermi di osservare ogni angolo, ogni centimetro, ho scoperto un nuovo orizzonte dentro le mura delle mie case, nelle mie cose”, così Margherita ha preso scatti della sua realtà unendoli in un’esposizione. “Mi ritrovavo a chiedermi per quanto tempo sarebbe durato tutto quello che stavamo vivendo. E “due anni almeno” era la risposta che mi davo da sola e insieme al mondo fuori. A Matera, in un viaggio di qualche anno fa, mi hanno raccontato che le costruzioni venivano fatte per sottrazione, tecnica che riflette la mia ricerca: a volte ci si ritrova a dover costruire togliendo e a ricostruire da quello che abbiamo perso, dall’isolamento fisico e mentale che può sorprenderci”.

La galleria-laboratorio #apis+ nasce lo scorso aprile con l’obiettivo di far convergere al proprio interno arte contemporanea, didattica e ricerca, con un metodo trasversale volto a far emergere punti di contatto tra le varie arti, per un bagaglio formativo solido e una nuova consapevolezza del sé artista. A lezione si privilegia l’apprendimento attraverso il fare e la continua sperimentazione, supportati da un approccio tecnico-teorico con uno sguardo sempre rivolto ai grandi del passato e ai talenti del presente. Marco Victor Romano, commenta: “#apis+ oggi espone i frutti di un percorso formativo di oltre due anni, tempo che ha segnato tutti noi, e che nel caso di Margherita, grazie al suo talento innato e alla cura che ha rivolto con dedizione e sincerità a questa ricerca, ha significato anche cominciare a vivere artisticamente. Credo molto nel valore terapeutico dell’arte capace di dare sollievo, di far esprimere il proprio potenziale creativo che è in ognuno di noi e con il quale è possibile trovare una via d’uscita dalle situazioni più difficili e dall’inibizione che talvolta blocca l’animo artistico di ciascuno”.

A corredo di questi colori 144 cartoline degli scatti parte del progetto, esposte all’interno della mostra per conservare un segno del “viaggio immobile” unitamente a un catalogo dedicato, terza pubblicazione edita da #apis+.

Due anni almeno
Mostra fotografica di Margherita Rossi, a cura di Marco Victor Romano
Dal 12 novembre all’11 dicembre
#apis+, via Torre della Catena 64

Ingresso gratuito
Dal lunedì alla domenica dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 17:00 alle 21:30
Per info e prenotazioni scrivere a: [email protected] o visitare il sito https://www.apispiu.com/iscrizioni/   

Potrebbe interessarti

strategie di vendita, vendita, consulente per imprentori Palloncini Sale Slot