La recente revoca del divieto degli annunci delle criptovalute di Google indica la maturità del mercato?

by Redazione
0 comment

L’imprevedibilità è la norma nel settore delle criptovalute. Ciò è stato evidenziato di recente dall’improvvisa decisione di Google di revocare il divieto di 36 mesi sugli scambi di risorse digitali che ha effettivamente impedito di utilizzare i servizi pubblicitari dell’azienda.

Un avviso di aggiornamento della politica è stato rilasciato dalla società pochi giorni fa. Afferma che le piattaforme di trading di criptovaluta e i proprietari di portafogli saranno in grado di pubblicare senza problemi le loro offerte sulla piattaforma, a condizione che i loro prodotti e servizi siano “certificati da Google”.

Google richiede che tutti i candidati dispongano di un certificato di registrazione del Financial Crimes Enforcement Network (FinCEN) valido per registrarsi come attività di servizi monetari.

Richiedono inoltre di essere associati a un istituto bancario autorizzato a livello statale o federale. Questa mossa potrebbe consentire a una varietà di piattaforme finanziarie basate su criptovalute, comprese quelle che utilizzano la vasta portata di mercato di Google, di beneficiarne nuovamente e aiutare le loro offerte a raggiungere un pubblico più ampio.

La relazione di Google con la pubblicità crittografica

Va notato che Google ha mantenuto un atteggiamento molto dubbioso nei confronti dei mercati delle criptovalute dal 2017. Ciò è evidente nel fatto che molte persone in tutto il mondo credono che le politiche di Google nei confronti di questo mercato in rapida evoluzione, a partire dal 2017, siano state parziali e ingiuste .

Per dare un’idea dell’entità dei problemi, il gigante dei motori di ricerca ha cambiato posizione sugli annunci relativi agli scambi quasi ogni giorno nel 2018. In effetti, la società ha inserito nella lista nera alcuni termini, tra cui Ethereum, il più grande altcoin al mondo, che ha gravemente ostacolato la crescita del mercato.

Ma le cose cambieranno presto, le criptovalute si stanno diffondendo molto grazie anche al fatto che tutti possono accedervi usando piattaforme affidabili come Immediate Edge.

Cosa significa veramente questa mossa? La parola agli esperti!

Ben Jorgensen è il CEO di Constellation.

Questa piattaforma consente a chiunque di creare e condurre affari in un ecosistema blockchain. Condivide le sue opinioni su cosa significhi “unban” per l’intero settore.

Google e altri magnati della tecnologia corrono il rischio di perdere la loro “freschezza”. Questo è importante per tutto, dall’assunzione dei migliori dipendenti all’uso dei loro prodotti. Esiste la possibilità che la criptovaluta venga considerata obsoleta o irrilevante venendo ostracizzata.

L’apertura dei mercati delle criptovalute da parte di Google alle aziende significa che è possibile attingere a questi mercati senza paura. Ciò non comporterà contraccolpi da parte degli azionisti o perdita di quote di mercato.

Ilija Rolovic è il chief marketing officer della piattaforma di social gaming/mercato multiprodotto di Enjin, Enjin. Ritiene che consentendo la pubblicazione di annunci relativi alle criptovalute sulla piattaforma di Google, il mercato crescerà più rapidamente. Ha dichiarato:

“Google dovrebbe ora aprire le sue porte a questo tipo di innovazioni, poiché saranno parte integrante della strategia di marketing digitale del futuro”. L’accettazione di Google per gli annunci relativi alle criptovalute accelererà la già rapida crescita nello spazio blockchain.

Jorgensen ha affermato che il settore della pubblicità digitale è stato il più innovativo nel settore tecnologico negli ultimi vent’anni. “I consumatori hanno iniziato a mettere in discussione il valore di ottenere una pubblicità in cambio di prodotti o servizi gratuiti. Ha concluso dicendo che distorce la nostra realtà e cura le nostre notizie.

Guardare avanti

Sebbene la suddetta revoca del divieto di Google sia stata ampiamente considerata positivamente per il settore, va comunque notato che le pubblicità relative alle offerte iniziali di monete, al protocollo di trading DeFi o persino alla “vendita di acquisto o scambio di criptovaluta o prodotti correlati” non saranno consentite sulla piattaforma pubblicitaria.

La lista nera di Google include punti vendita di notizie crittografiche, aggregatori di grafici e operatori di segnali, nonché avvisi analitici.

 

 

Soldi vettore creata da iuriimotov – it.freepik.com

Potrebbe interessarti

strategie di vendita, vendita, consulente per imprentori Palloncini Sale Slot