NOTTE DEGLI OSCAR 2017, VINCE LA LA… AH NO, È MOONLIGHT!

by Gessica Cuomo
0 comment

The oscar goes to LA LA MOONLIGHT!

Vittoria stracciata dalle mani per LA LA LAND, per un errore di busta hanno presentato l’Oscar per il miglior film annunciando la vittoria per LA LA LAND ma durante i ringraziamenti si è scoperto essere MOONLIGHT il film vincitore degli Oscar 2017, film diretto da Berry Jenkis. 

Moonlight racconta l’infanzia, l’adolescenza e l’età adulta di Chiron, un ragazzo di colore cresciuto nei sobborghi difficili di Miami, che cerca faticosamente di trovare il suo posto del mondo. 

Intanto La La LAND porta a casa alcuni premi, meno di quanti erano stati previsti: innanzitutto ha fatto portato alla vittoria dell’Oscar come miglior attrice ad Emma Stone e poi Oscar miglior regista Damien Chazelle, miglior colonna sonora (Justin Hurwitz), miglior scenografia (Sandy Reynolds e David Wasco) e miglior fotografia (Linus Sandgren), miglior canzone originale “City of Stars”.

Questi Oscar sono stati ritenuti un po’ la rivincita degli artisti afroamericani, visto che hanno portato a casa alcuni premi diversamente dall’anno 2016.

L’Italia trionfa non con Fuocoammare – premio andato a OJ: Made in America (Ezra Edelman, Caroline Waterlow) – ma come miglior trucco con Alessandro Bertolazzi per “Suicide Squad” premio è condiviso con Giorgio Gregorini e Christopher Nelson. Bertolazzi dice sul palco: “Io sono italiano e dedico questa vittoria a tutti gli immigrati “.

Lo show, dopo un lungo red carpet dove le star hanno sfoggiato abiti di haute couture si è aperto con un’esibizione coinvolgente di Justin Timberlake che ha fatto ballare tutti gli ospiti sulle note della sua canzone “Can’t stop the feeling” introducendo il presentatore Jimmy Kimmel. 

Gli altri premi sono andati a Casey Affleck come miglior attore protagonista (Manchester by the sea); per miglior film d’animazione: Zootropolis (Howard-Moore-Spencer); come miglior film straniero l’Oscar è andato a “Il cliente” (Asghar Farhadi); miglior attore non protagonista: Mahershala Ali (Moonlight); miglior attrice non protagonista: Viola Davis (Barriere); migliore sceneggiatura originale per Manchester by the Sea (Kenneth Lonergan); migliore sceneggiatura non originale “Moonlight” (Berry Jenkins, Tarrell Alvin McCraney); migliori costumi: Colleen Atwood (Animali fantastici e dove trovarli); miglior cortometraggio d’animazione per “Piper” (Barillaro-Sondheimer); migliori effetti speciali al “Libro della Giungla”; miglior cortometraggio “Sing” (Deák-Udvardy); miglior montaggio: John Gilbert (Hacksaw Ridge); miglior cortometraggio documentario: “The White Helmets” (Orlando von Einsiedel); miglior montaggio sonoro per Sylvain Bellemare (Arrival).

Potrebbe interessarti

Leave a Comment

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.

Valerio Granato: Sistemista Linux a Napoli, Programmatore PHP. Founder: 3d0 Srl, LiveNet Srl, AlDiQua, LiveCode. Operazione nostalgia Capodanno Cinese a Napoli 2020