Scioperano i venditori del mercato etnico di via Bologna

by Lavinia Viscione
0 comment
manifestazione mercato via bologna

Non solo ambulanti ma anche sigle sindacali, rappresentanti dei lavoratori e centri sociali, per un corteo che ha attraversato il centro della città fino ad arrivare alla sede comunale di via Verdi: a Napoli incrociano le braccia i venditori del mercato etnico di via Bologna.

Una storia decennale, quella del mercato di via Bologna, che con la vicina piazza Garibaldi condivide l’estrema multiculturalità, un meltin-pot di etnie e colori spesso al centro di polemiche per abbandono e degrado dell’area – a ridosso della stazione centrale ferroviaria partenopea.

Nonostante questo il mercato di via Bologna continua a esistere da anni (almeno 17 secondo la concessione comunale) ed ora rischia di scomparire per far spazio a un parcheggio proprio di Grandi Stazioni.

Così il corteo dei scioperanti ha raggiunto le sedi comunali, la richiesta è che si trovi una soluzione alternativa a quella che attualmente prevede lo sgombero dei venditori.

Coppola: “Si rispetti la legge”

«Il mercato di via Bologna nasce come mercato etnico e si è trasformato in pochi anni in un mercato del falso dove è possibile reperire ogni tipo di merce in spregio a tutte le leggi vigenti. La vendita di oggetti contraffatti e di oggetti di provenienza industriale fa venire meno il requisito che aveva portato alla nascita di un mercato di manufatti africani, rendendo del tutto inutili le proteste di chi vorrebbe che a via Bologna restasse quello che ha solo la parvenza di un mercato etnico. Per il mercato di via Bologna a suo tempo abbiamo un documento della Municipalità che lo dichiarava abusivo e il Comune di Napoli, per regolamento, non può non ottemperare a quanto già deliberato dall’ente di prossimità».

Così Armando Coppola, presidente dell’associazione Napoli in Sinergia ed ex presidente della IV Municipalità in merito alla manifestazione che si è tenuta stamattina sotto la sede del consiglio comunale ad opera dei mercatali di via Bologna che si oppongono allo sgombero.

«Non si può – prosegue Coppola – non sottolineare che oggi quel mercato per i quali gli extracomunitari si stanno battendo è diventato un luogo di aggregazione per immigrati irregolari, quegli stessi soggetti che in questi ultimi mesi stanno terrorizzando i cittadini del Vasto e di piazza Garibaldi. Manifestare per tenerlo aperto è un inutile esercizio di demagogia orchestrato da chi vuole cavalcare lo scontento degli immigrati per rifarsi una verginità politica, ignorando o forse omettendo che nel progetto di riqualificazione di piazza Garibaldi è prevista proprio a via Bologna una bretella di collegamento con il parcheggio che servirà la stazione centrale e che i progetti di arretramento dell’attuale mercato sono irrealizzabili per ragioni di viabilità».

Potrebbe interessarti

Leave a Comment

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.

Noleggio stampanti, Noleggio fotocopiatrici, Stampanti Napoli, Fotocopiatrici Napoli Festival della Musica e della Cultura a Napoli Valerio Granato: Sistemista Linux a Napoli, Programmatore PHP. Founder: 3d0 Srl, LiveNet Srl, AlDiQua, LiveCode.