ISTAT: RISCHIO POVERTÀ PER 1 SU 4 ITALIANI, 1 SU 2 AL SUD

by Redazione
0 comment
istat

Il 28,7 percento degli italiani è a rischio povertà e esclusione sociale. In pratica, 1 su 4.

I dati, riferiti al 2015, li fornisce l’Istat e delineano un quadro meno roseo di quelli emersi con le ultime indagini di cui sono stati forniti i risultati.

I numeri

Benché le stime siano “sostanzialmente stabili” rispetto all’anno precedente, il 2014, si registra comunque un aumento e non una diminuzione (dal 28,3 percento al 28,7 percento). In totale, sono 17 milioni e 469mila le persone a rischio povertà secondo i rilievi dell’Istituto nazionale di Statistica.

Il gap tra Nord e Sud

Se la media nazionale è del 28,7 percento, questo dato aumenta di quasi 20 punti al Mezzogiorno. Un gap terrificante, con una media per le regioni meridionali che arriva al 46,6 percento, mentre al Centro e al Settentrione le medie si attestano rispettivamente intorno al 24 e 17 percento.

La Sicilia sfonda il muro del 50 percento, arrivando alla cifra record di 55,4 percento. Seguono nella classifica delle messe peggio Puglia e Campania, con il 47,8 e il 46,1 percento.

Allarme per l’occupazione

Si ferma anche il trend positivo legato all’occupazione. Nel terzo trimestre del 2016 infatti si perde lo 0,1 percento di occupati rispetto al trimestre precedente. Altro segnale negativo arriva dal dato legato ai giovani, quelli in fascia d’età 15-24, per cui la disoccupazione passa dal 36,8 al 37,5 percento.

Potrebbe interessarti

Leave a Comment

Palloncini Ruota dell'Annunziata - Napoli Sale Slot