Una nuova comunicazione per i beni culturali: nasce AudioLive FM, la radio dedicata alla cultura

by Redazione
0 comment

Il 26 maggio alle 12.00, nella nuova Tisaneria Bistrot del Museo e Real Bosco di Capodimonte, sarà presentata alle autorità e alla stampa il nostro nuovo progetto: la digital radio culturale AudioLive FM, brand, come Live Performing & Arts e Livenet News, della digital company Livenet Srl.

Il progetto AudioLive FM – musica e cultura nasce dall’esperienza della direttrice artistica Rosanna Astengo, autrice e speaker radiofonica, che ha curato il progetto del Master in Radiofonia dell’Università Suor Orsola Benincasa “Radio Capodimonte” – di fatto il primo esperimento di comunicazione radiofonica per i beni culturali – con il contributo dell’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa – Invitalia grazie alla misura “Cultura Crea” e al Ministero della Cultura.

“È un momento molto importante per il mondo radiofonico: le nuove tecnologie, l’ibridazione tra radio e televisione sono un grande stimolo nella ricerca di nuove forme di comunicazione che riguardano temi che di solito vengono trascurati sia a livello nazionale che locale; AudioLive FM ha un doppio obiettivo, arricchire e incuriosire l’ascoltatore invogliandolo a riappropriarsi di un patrimonio – quello culturale – vivendolo in prima persona con una selezione musicale che spazia dalla musica classica al rock passando senza soluzione di continuità attraverso i nuovi progetti emergenti della musica contemporanea. Ci aspettiamo l’interesse e la collaborazione soprattutto delle scuole, dove ci sono tanti giovani di talento con una grande voglia di comunicare e l’esigenza di farsi ascoltare.” afferma la direttrice artistica.

Il nostro editore Valerio Granato, imprenditore e CEO della Livenet Srl, ha sposato il progetto e ha deciso di espandere l’idea alla base del magazine Live Performing & Arts associando al sito web e alla carta stampata un mezzo di comunicazione – la radio – che sta vivendo una nuova giovinezza grazie ai nuovi metodi di fruizione: il web, i dispositivi mobili, gli smart device. “Ho subito creduto nella proposta di Rosanna che completava l’offerta del nostro magazine; la radio e i podcast sono un ottimo modo per diffondere la cultura anche alle nuove generazioni. La possibilità di riascoltare tutti i nostri programmi tramite le principali piattaforme di podcasting consente a tutti di poter fruire in base alle proprie esigenze dei nostri contenuti. Sono sicuro che in tanti vorranno investire tempo e risorse su un progetto innovativo come il nostro.”

Il direttore responsabile della testata, Stefano Valanzuolo, dichiara: “con Live Performing & Arts abbiamo fermamente creduto, sin dall’inizio della nostra attività (nel gennaio 2020), all’utilità dell’informazione su carta stampata, nell’epoca dell’effimero, quale strumento documentale insostituibile. La scelta di puntare sulla radio, nell’ambito di un unico grande progetto editoriale, rappresenta per la rivista un valore aggiunto e complementare in termini formativi, puntando a raggiungere un pubblico che sia mosso dai medesimi interessi di quello di Live ma con abitudini di consumo culturale differenti per tempi e per modi. Quella che sarà posta in essere è una sinergia tra linguaggi diversi all’interno di un unico gruppo redazionale allargato, per un’informazione agile, trasversale e non per questo superficiale, con la musica al centro di un racconto articolato e ampio abbastanza da sfiorare gli interessi di una platea in continuo divenire.”

Oltre alla già citata selezione musicale, il palinsesto di AudioLive FM include un giornale radio ogni ora, a partire dalle 7, il meteo e una finestra informativa sullo sport. Tra le produzioni originali spiccano “Lo Scrigno di Clio”, scritto e curato da Rosanna Astengo e con partner d’eccezione come il MANN – Museo Archeologico Nazionale di Napoli, il Teatro Trianon Viviani, il Teatro Pubblico Campano, che racconta e valorizza le eccellenze culturali del nostro territorio, Cascionissima di Ivan Fedele, che apre insieme agli ascoltatori i “cascioni” delle canzoni dimenticate e MUN Playlist, curato da Marta Milone, che propone ogni settimana musica di tendenza. Completano la programmazione produzioni dedicate alla cultura musicale come Me&Blues curato da Gianfranco Piria, e Full Nation di Francesco Borbone – SYNDIMEDIA Group, 120 minuti di Dj Set esclusivi commentati in lingua inglese. Non mancano dei momenti più leggeri con Shadows Light dei Senza Radio (Angelo Franzone e Andrea Lombardo) e dei contenuti spiccatamente divulgativi come “Due minuti un libro” e “Da leggere!” curati di Gianluca Melilli.

La scelta di piazza Garibaldi – nel centro di Napoli – come location per gli studi di trasmissione, è stata fatta perché possano essere facilmente raggiungibili da ospiti e dai collaboratori; la presenza di spazi utili alle interviste e alla formazione ribadiscono la volontà di AudioLive FM di promuovere anche gli artisti emergenti e di preparare e istruire le nuove leve con corsi ad hoc tenuti da docenti d’eccezione.

AudioLive FM si ascolta sul sito web www.audiolivefm.it (sul quale sono disponibili anche i podcast delle puntate di ogni programma) e a breve tramite app sia per dispositivi Android e iOS.

Vi aspettiamo quindi il 26 maggio alle 12.00 alla Stufa dei Fiori (di fronte alla reggia) al Museo e Real Bosco di Capodimonte per scoprire insieme AudioLive FM e condividere con noi il brunch a cura di Delizie Reali.

Per contatti, informazioni e per richieste di accredito alla presentazione è possibile scrivere a [email protected] o inviare un messaggio whatsapp al n.ro 328 0931893.

Potrebbe interessarti

Palloncini Ruota dell'Annunziata - Napoli Sale Slot