“Mo je faccio er cucchiaio”, e il cucchiaio diventa il protagonista della foto

by Valeria Cristiano
0 comment
Il duomo di Firenze immortalato nel "cucchiaio" di Martino Dini.

(nella foto: il duomo di Firenze immortalato nel “cucchiaio” di Martino Dini)

Un giorno tutto il mondo parlò del cucchiaio di Francesco Totti. Il campione giallorosso s’inventa un gol pazzesco nella semifinale con l’Olanda sussurrando nell’orecchio dell’amico Gigi Di Biagio “mo je faccio er cucchiaio”  seguito dalla camminata sfrontata verso l’area di rigore… ma questa è un’altra storia.

Invece Martino Dini, di professione fotografo, il cucchiaio lo usa e non solo per gustare un variopinto gelato o una morbida crema ma lo fotografa su raffinate mise en place e poi lo usa, in maniera complice,  ne fa il suo sfondo, si diverte a giocare con le nostre sensazioni, cambiando le carte in tavola e spingendoci a guardare la realtà da un altro punto di vista, magari attraverso una lente di ingrandimento.

Tutto quello che parla di cibo è un tema tanto amato quanto inflazionato, e fotografare chef e cibo è diventato una sorta di network a sé onnipresente su web, social e carta stampata, un trend in costante crescita che ha indotto molti, grazie all’Ipad, a improvvisarsi fotografi di food e promuoversi nel settore senza, tuttavia, averne le necessarie competenze.

La nobile arte di fotografare il cibo

Fotografare il cibo non è facile; al contrario, come ci spiega Martino Dini, giovane e talentuoso fotografo del food, è più complesso di quanto si pensi, un’operazione che esige molta professionalità perché implica un’ottima padronanza della luce e del set, il tempo a disposizione è brevissimo e va ben sfruttato per beneficiare al massimo dell’aspetto estetico di una pietanza. Fondamentale quindi è riuscire a comunicare il sapore, i profumi, le suggestioni, persino i valori veicolati da piatti e ingredienti, anche attraverso l’immagine, unico mezzo la vista.

“Noi siamo quello che mangiamo, e, nel mio caso, quello che riesco a fotografare e come lo fotografo – afferma – e un giorno, sempre alla ricerca di cose nuove che stimolano la mia fantasia, ho ‘scoperto’ il cucchiaio, facendoci sopra delle riflessioni, infatti per me il cucchiaio mi sa di casa, profuma di terra, l’odore di casa mia, dove rinasco mille volte ogni volta che torno a casa, sapori che fanno parte della mia vita, che mi accompagnano in ogni evento cadenzando i momenti, fanno ridere la mia anima, mi accompagnano fra la gente”.

“Fotografando io rubo l’attimo, devo trasmettere la passione e la qualità che ci sono dietro le mani dello chef, in un attimo devo fermare e mostrare la sua abilità, la sua storia, esalto il primo attore che sono le sue mani, le faccio parlare, fisso il candore della tovaglia, le pieghe, la luce, i chiaroscuri della materia cucinata, i colori, la sua fantasia, l’estro, mille pensieri condensati nell’attimo, prove su prove,  accostamenti di sapori,  io devo tramettere la cultura visiva del cibo, ma ad ampio respiro, far riflettere chi osserva, farlo immedesimare in una condivisione creativa, ribaltare la forma di nutrimento in un riflesso per gli occhi”.

“Far diventare invitante un piatto, gustoso, far venire l’acquolina in bocca… come si dice, io racconto e la mia è una bella storia e il cucchiaio è il mio complice, tondo, liscio, freddo, lunare, affascinante, sensuale nella sua rotondità, lo porti alla bocca e nel cucchiaio ti immergi, ti tuffi per gustare un cibo morbido, materno,  quasi un libido, ed invece il mio cucchiaio vuole essere come una tela di canvas per l’artista, riflette il cibo, lo esalta, racconta uno sfondo, ferma un habitat e fa da contorno ad un piatto, composto di materia e luce, colori e voluttà, volumi  e fantasia. Ed io faccio parlare i miei  cucchiai fantastici, che raccontano  incredibilmente parole e pensieri, viaggi mai intrapresi ma solo immaginati, visioni diverse, talenti e storie di uomini, di professione cuochi, immagini non banali di monumenti e chiese, piazze, la vita in un cucchiaio, per parlare di una cultura del cibo di ampio respiro, sperimentazione e contaminazione fra linguaggi ed esperienze diverse”.

(tutte le foto presenti nell’articolo sono di Martino Dini)

Potrebbe interessarti

Leave a Comment

For security, use of Google's reCAPTCHA service is required which is subject to the Google Privacy Policy and Terms of Use.

I agree to these terms.

Noleggio stampanti, Noleggio fotocopiatrici, Stampanti Napoli, Fotocopiatrici Napoli Festival della Musica e della Cultura a Napoli Valerio Granato: Sistemista Linux a Napoli, Programmatore PHP. Founder: 3d0 Srl, LiveNet Srl, AlDiQua, LiveCode.